Concerti

Stazione Rogers

Riva Grumula, 14

Trieste

040 322 9416

http://www.stazionerogers.org

L’INVENTARIO DEL MONDO, conferenza

Sabato, 30 Novembre 2019

Ore: 15:00

La formula che verrà sperimentata in questo seminario divulgativo rivolto a tutti e organizzato in collaborazione con Cinzia Ferrini, ricercatrice del Dipartimento di Studi Umanistici, mira a coniugare elementi di critica d’arte e scenogrfici con una riflessione letteraria e storica relativa alla raccolta e ordinamento delle conoscenze sulle diversità, rarità e curiosità naturali e artificiali (Wunderkammer) in una prospettiva filosofico-scientifica moderna.
Un percorso che attraversa le frontiere fra il visibile e l’invisibile e passa dall’osservazione e la raccolta all’approccio scientifico moderno, iniziando dalla visione leonardesca che coniuga immaginazione fantastica e rappresentazione astronomica (Luca Garai), proseguendo con una panoramica sui tentativi di catalogazione dell’umano e del naturale (Wolfgang Pross) e concludendo con una presentazione (Fabrizio Baldassarri) del ruolo della epistemologia moderna come rifiuto della cultura delle collezioni. in apertura, un assaggio de il Sistema Periodico di Primo Levi con l'autrice Sara Alzetta musicato da Max Jurcev.

15:00-16:00
Sara Alzetta e Max Jucev presentano:
IL SISTEMA PERIODICO - separare, pensare, distinguere

16:00-17:00
Presentazione di Andrea Lausi
Luca Garai, “L’universo in una stanza, una Wunderkammer mobile di Leonardo”
L’intersezione tra rappresentazione scientifica e immaginario artistico nell’inventario astronomico della Festa del Paradiso (1490) di Leonardo da Vinci.
Discussione. Modera Andrea Lausi

17:00-18:00
Presentazione di Cinzia Ferrini
Wolfgang Pross, “Fare l’inventario del mondo”
Gli “inventari” di Giambattista della Porta, di Giovanni Botero, Alessandro Tassoni e altri esponenti del tardo Cinquecento e inizio Seicento
Discussione. Modera Cinzia Ferrini

18:00-19:00
Fabrizio Baldassarri, “Curiosità e ordine della natura: i gabinetti di meraviglie naturali e la filosofia naturale moderna”
Alla curiosità come attenzione antiquaria, raffinato dilettantismo, collezionismo specifico e comune partecipazione o vera e propria mania rispetto alle rarità, la filosofia moderna contrappone l’ordine e la disciplina della nuova scienza che si va costruendo.
Discussione. Modera Cinzia Ferrini

 

 

Sincronizza il tuo calendario con l'appuntamento wunderkammer --> Scarica il file iCal